Vaccinarsi fuori regione

Come posso fare a vaccinarmi fuori dalla mia regione?

Questa è una domanda molto ricorrente fra chi, soprattutto in periodi di vacanza, vorrebbe avere la propria somministrazione del vaccino anti covid fuori dalla propria regione di residenza/domicilio.

Che sia per vacanza o per motivi di lavoro, la vaccinazione in un’altra regione è possibile, ma come consueto, la fattibilità e le modalità cambiano da regione a regione.

Posso quindi effettuare la seconda dose del vaccino fuori dalla mia regione?

Dipende dagli accordi di reciprocità vaccinale interregionale siglati dalla tua regione di residenza.

Consulta la pagina dedicata alla tua regione cliccando qui Scegli Regione – Prenotazione vaccino

Le regione più rapide ad attivarsi sono state Liguria e Piemonte, che dal 1 Luglio hanno siglato un accordo per permettere una maggiore mobilità ai cittadini delle proprie regioni, garantendo il completamento del ciclo vaccinale, quindi la seconda dose, nella regione limitrofa.

Sempre nel mese di luglio, si è attivata anche la regione Lombardia, che dal 16 Luglio permette alle persone che hanno ricevuto la prima dose fuori dalla Regione Lombardia e trascorrono almeno 15 giorni all’interno della regione, di completare il ciclo vaccinale prenotando la seconda dose attraverso il portale web.

Di seguito le regioni che in ordine sparso e con condizioni differente garantiscono la possibilità di somministrare la seconda dose a cittadini residenti in altre regioni italiane:

  • Valle D’Aosta: somministrazione possibile in caso di permanenza nella regione superiore a 30 giorni
  • Puglia: è necessario trascorrere almeno 3 settimane per avere possibilità di prenotare il vaccino
  • Abruzzo e Trentino richiedono una permanenza di almeno 15 giorni
  • Marche, Sicilia e Calabria, secondo le informazioni raccolte da PrenotazioneVaccino.it, non richiedono prenotazione, è sufficiente presentarsi al centro vaccinale per ricevere la seconda dose
  • Sardegna ed Emilia Romagna, mete turistiche gettonate, attendono di sapere la reale disponibilità di vaccini prima di decidere come muoversi
  • Anche il Lazio, dopo alcune esitazioni, sta mettendo a disposizione un modulo per permettere ai residenti in altre regioni di prenotare la seconda dose del vaccino.

La situazione è in continua evoluzione, le altre regioni attendono conferme sulle disponibilità dei vaccini prima di aprire alla vaccinazione dei non residenti. L’Italia in ogni caso si muove, anche se in ordine sparso la vaccinazione fuori regione non è più un tabù.